Litiga con la fidanzata, torna a casa e si impicca: 25enne trovato dai genitori

Litiga con la fidanzata, torna a casa e si impicca: 25enne trovato dai genitori

di Raffaella Ianuale

VENEZIA – Attimi concitati ieri mattina alla scuola media Ugo Foscolo di Catene a Marghera (Venezia). I ragazzini della seconda, dopo la lezione di educazione fisica, hanno iniziato a lamentare dei malori. Almeno una decina ha detto di avere nausea e uno ha anche vomitato. La responsabile del plesso ha avvisato il 118 che è giunto in via Parco Ferroviario con tre ambulanze ed ha trasportato i ragazzini all’ospedale dell’Angelo. Poco dopo esser giunti al Pronto soccorso i ragazzini hanno iniziato a sentirsi meglio, sono stati tenuti qualche ora in osservazione nel reparto di Pediatria e nel tardo pomeriggio sono stati anche dimessi.

Rimane il fatto che una decina di ragazzi, anche se in modo lieve, un malore lo ha provato. E tutti lo stesso. Il timore era che potessero aver mangiato o bevuto qualcosa che avesse fatto male. In realtà l’unica cosa che i giovani hanno fatto in comune è stato bere dell’acqua dal rubinetto della palestra dopo la lezione di ginnastica. L’attenzione quindi si è concentrata sull’acqua e l’ufficio igiene ieri è andato a fare dei prelievi dell’acqua per sottoporli ad accertamenti. Solo nei prossimi giorni si saprà cosa avesse l’acqua che non andava, ammesso che sia stata l’acqua a far star male gli studenti di seconda media.

Saputo quanto successo il dirigente scolastico ieri mattina si è recato all’ospedale di Mestre per vedere come stavano i suoi studenti. È stato lì finché sono stati visitati tutti ed ha anche parlato con i medici. «I ragazzi stavano bene, erano tranquilli – dice il preside Claudio Marangon – rimane il fatto che hanno lamentato questo malore. Ho subito inibito i rubinetti della palestra e ho chiesto agli ausiliari di raccogliere un po’ di acqua per vedere se ha qualcosa di strano. I medici hanno detto che ai ragazzi non è stato riscontrato nulla, ma per precauzione sono stati tenuti alcune ore in osservazione nel reparto di Pediatria. Già in serata sono stati dimessi».

Cosa possa avere avuto l’acqua dei rubinetti della palestra non si sa. Solo i risultati delle analisi potranno svelare la presenza di qualche impurità.

Domenica 09 Ottobre 2011 – 09:17 Ultimo aggiornamento: Lunedì 10 Ottobre – 13:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Comments are closed.
© 2019 Proudly Powered by WordPress